Palla-Knoll & Partners - Dottori commercialisti e revisori contabili -  Bolzano Alto Adige Italia
deutsch  |  home  |  contatto  |  login  |  cerca   
 
  Palla Knoll & Partners - Dottori commercialisti e revisori contabili -  Bolzano Alto Adige Italia
home > attualità > circolari > La Legge di Stabilità 2013 - domanda di rimborso IRES / IREPF
 
La Legge di Stabilità 2013 - domanda di rimborso IRES / IREPF
Egregi Clienti, come negli anni passati, alla scadenza dell’anno il nostro Legislatore ha emanato la legge di stabilità 2013 – quando i problemi di bilancio non erano così evidenti la legge si chiamava legge finanziaria – che raggruppa in un unico articolo 560 commi, ove le disposizioni fiscali sono varie e sparsi per tutto il testo. Con la presente vorremmo fornirvi un quadro riassuntivo circa le novità più rilevanti, che sono state introdotte dalla Legge di Stabilità 2013 n. 228//2012.

 La Legge di Stabilità 2013 -  domanda di rimborso IRES / IREPF

 Egregi Clienti,

come negli anni passati, alla scadenza dell’anno il nostro Legislatore ha emanato la legge di stabilità 2013 – quando i problemi di bilancio non erano così evidenti la legge si chiamava legge finanziaria – che raggruppa in un unico articolo 560 commi, ove le disposizioni fiscali sono varie e sparsi per tutto il testo. Con la presente vorremmo fornirvi un quadro riassuntivo circa le novità più rilevanti, che sono state introdotte dalla Legge di Stabilità 2013 n. 228//2012.

IRPEF
La più rilevante novità contenuta nella legge di stabilità in materia di IRPEF riguarda l’aumento delle detrazioni per i figli a carico e per i figli portatori di handicap.
Per i lavoratori dipendenti e pensionati con figlio a carico, i benefici si vedranno a partire dal 1° dicembre 2013 in sede di retribuzione o pensione mensile, mentre imprenditori e professionisti potranno fruire dei nuovi sconti in sede di dichiarazione dei redditi per l’anno 2013 (modello Unico 2014).
• Lo sconto per ciascun figlio, compresi i figli naturali riconosciuti, i figli adottivi e gli affidati o affiliati è aumentato da euro 800 a euro 950.
• Nel caso in cui un figlio abbia età inferiore a tre anni lo sconto è aumentato da euro 900 ad euro 1.220.
• Viene incrementata a euro 400 la maggiorazione per ogni figlio portatore di handicap.
Il beneficio della detrazione fiscale per i figli a carico diventa inversamente proporzionale al reddito compressivo, fino ad “azzerarsi” in presenza di redditi elevati.

Riscossione
La legge di stabilità apporta le novità anche in materia di riscossione: il contribuente, entro 90 giorni dal ricevimento del primo atto della procedura coattiva o cautelare, può presentare una domanda all’agente della riscossione evidenziando le cause che hanno determinato la non esigibilità del credito a ruolo.
Entro i 10 giorni successivi l’agente della riscossione, previa sospensione degli atti esecutivi, provvede a trasmettere la domanda all’ente creditore.
Decorsi 220 giorni dalla presentazione della domanda del debitore senza che l’ente abbia comunicato nulla, il ruolo è annullato di diritto.    

IVIE (imposta sul valore degli immobili all’estero)
La legge di stabilità sposta l’istituzione dell’IVIE dal 2011 al 2012, e pertanto sancisce che quanto è stato finora corrisposto dai contribuenti si intende in acconto dell’imposta del 2012, il cui versamento deve avvenire, sia in acconto che a saldo, con le stesse disposizioni applicabili per l’IRPEF.
L’IVIE resta stabilita nella misura dello 0,76 per cento del valore degli immobili considerati, ma non è dovuta se sia di importo non superiore a euro 200. La base imponibile è costituita dal costo dell’immobile, quale risulta dall’atto di acquisto o da altri contratti e, in mancanza, dal valore di mercato rilevabile nel luogo in cui è situato l’immobile.  
Per gli immobili situati nell’Unione Europea o in Paesi aderenti allo Spazio economico europeo, il valore è quello catastale quale determinato nel luogo in cui l’immobile è situato ai fini dell’assolvimento di imposte di natura patrimoniale o reddituale.
Dall’IVIE, fino a concorrenza del suo ammontare, si può detrarre un credito d’imposta pari all’ammontare dell’eventuale imposta patrimoniale versata nello Stato in cui è situato l’immobile.

IRAP      
Incrementano le deduzioni IRAP, però con decorrenza solo dal 2014.
Per tutti i contribuenti diversi dalle amministrazioni pubbliche e dalle imprese operanti in concessione e a tariffa nei settori di energia, acqua, trasporti, infrastrutture, poste, telecomunicazioni, raccolta e depurazione delle acque di scarico e raccolta e smaltimento rifiuti, è ammesso in deduzione dal valore della produzione
• un importo pari a euro 7.500 (in precedenza euro 4600) su base annua, per ogni lavoratore dipendente a tempo indeterminato impiegato nel periodo d’imposta,
• aumentato a euro 13.500 (in precedenza euro 10.600) per i lavoratori di sesso femminile nonché per quelli di età inferiore ai 35 anni. 

L’IRAP dei piccoli
La legge di stabilità fa un primo passo verso la soluzione del problema riguardante l’assoggettamento a IRAP dei lavoratori autonomi e dei piccoli imprenditori privi di una significativa organizzazione.
Con la disposizione si stabilisce che sarà un decreto dell’Economia (adottato previo parere conforme delle Commissioni parlamentari) a determinare l’ammontare massimo dei beni strumentali (anche assunti in locazione) che imprenditori o lavoratori autonomi (purché persone fisiche) potranno possedere - a partire dal 2014 - pur rimanendo esclusi dal mondo IRAP, a condizione che non si avvalgano di lavoratori dipendenti o assimilati.

Auto aziendale
Per effetto delle modifiche alle regole di deduzione dei costi auto introdotte nell’art.164 del Tuir dal 2013 (“legge Fornero”), viene ridotta la deducibilità dei costi relativi ai mezzi di trasporto che passa al 20 per cento.
La limitazione della deducibilità dei costi auto non trova applicazione in tre ipotesi:
• mezzi di trasporto non a motore come le biciclette e velocipedi;
• mezzi di trasporto che costituiscono beni meri per le imprese;
• mezzi di trasporto diversi da autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli.
Per le auto concesse in uso promiscuo al dipendente non si registra nessuna variazione, con la conseguenza che rimane applicabile la misura introdotta dalla “legge Fornero”, che fissa la deducibilità al 70 per cento.
Per gli agenti di commercio non si riscontra nessuna modifica e la percentuale di deducibilità rimane ferma all’80 per cento.
La norma conferma l’obbligo di commisurazione dell’acconto per il 2012 facendo riferimento alle limitazioni introdotte, ma mai entrate in vigore, dalla “legge Fornero”.

Rivalutazione terreni e quote
L’art.1, comma 473, della legge di stabilità 2013 rinnova la facoltà per le persone fisiche, società semplici ed enti non commerciali di procedere alla rideterminazione del valore dei terreni agricoli ed edificabili, nonché delle partecipazioni in società di ogni tipo e oggetto a eccezione di quelle quotate in mercati regolamentati, con riferimento ai beni posseduti e ai valori correnti di mercato alla data del 1° gennaio 2013.
Il termine per l’asseverazione della perizia e per il versamento dell’imposta sostitutiva (o la prima rata) è fissato al 30 giugno 2013.

Istanza di rimborso IRPEF/IRES per mancata deduzione dell’IRAP relativa al costo del personale
L’art. 2, comma 1, del D.L. n. 201/2011 ha introdotto a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2012, la deducibilità ai fini delle imposte sui redditi dell’IRAP relativa alla quota imponibile delle spese per il personale dipendente e assimilato.
La deduzione può essere fatta valere anche per i periodi di imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2012, se alla data del 28 dicembre 2011 era ancora pendente il termine di 489 mesi per richiedere il rimborso, tramite un’apposita istanza da presentare in via telematica nei mesi da gennaio a marzo 2013.
A titolo indicativo possiamo affermare che per ogni 100.000 euro di spese per il personale, sui quali è stato pagato un’imposta a titolo di IRAP di 2.980 (100.000 x 2,98%), il risparmio a titolo di IRES/IRPEF si aggira ad euro 900,00.
Verificheremo nelle prossime settimane per i ns. clienti se ci sono i presupposti per potere chiedere il relativo rimborso e se vale la pena farlo. Tutti i clienti, per i quali in passato il ns. studio non ha elaborato le dichiarazione dei redditi, sono pregati di metterci a disposizione la relativa documentazione.
    
Speriamo di averVi fornito un utile riassunto circa le novità emanate dal nostro Legislatore con la Legge di stabilità 2013  e restiamo a Vs. disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Cordiali saluti

Palla Knoll & Partner
 

 
 
 
stampa stampa indietro indietro   in alto in alto
© 2017 - Palla Knoll & Partners  |  impressum  |  privacy  |  disclaimer  |  login A A A